Team

E' stato un viaggio che abbiamo fatto insieme,
GRAZIE!

Grazie a tutti coloro che sono venuti a trovarmi a Salerno e aver fatto con me il viaggio tra la musica di Lucio Dalla e le mie emozioni. Presto vi comunicherò nuovi progetti, intanto sto rifacendo il nuovo sito web.
A presto Antonio.

 

Team
Work

A volte basta una canzone

La mostra propone dieci dipinti attraverso i quali l’artista reinterpreta dieci canzoni del cantautore bolognese a 80 anni dalla nascita.
Ciao”, “Come è profondo il mare” e “Felicità” sono tra i titoli scelti tra l’ampia discografia di Dalla, che i visitatori possono vivere non solo attraverso la vista, ma anche tramite l’ascolto: ogni tela dispone al suo fianco di una breve didascalia e di audio cuffie da indossare per ascoltare i brani rielaborati dallo stesso artista al computer con effetti audio e masterizzazione spettrometrica.
Temi quali la diversità, la decadenza della natura umana, la guerra e l’individualismo diventano l’occasione per affrontare problematiche di stringente attualità.

La musica è da sempre un tema portante nella vita di Cotecchia e nella sua ricerca artistica.
In questo progetto ha usato la canzone di Dalla separando la voce dagli strumenti musicali e ha rielaborato i brani enfatizzando il racconto con effetti sonori e mash-up di più canzoni, secondo la sua personale interpretazione.
Nell’audio riarrangiato di “Henna”, per esempio, le parole di Dalla sul destino della natura umana sospeso tra dolore e amore s’intersecano con il ritmo frenetico di “The Trial” dei Pink Floyd in cui il giudice sentenzia l’abbattimento del muro di Pink.

credits foto: Mario Cricchio

Work
Work

ANTONIO COTECCHIA

Antonio Cotecchia è un pittore e urban artist di origini salernitane che attualmente vive tra Piacenza e Milano.
Dopo il Liceo Artistico, a 18 anni si trasferisce a Milano dove frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Brera, laureandosi in pittura. Ha lavorato per molti anni nel mondo del web e della grafica digitale per varie agenzie di comunicazione a Milano.
Grazie alla sua passione per la musica e il mondo digitale anche il suo linguaggio artistico ha avuto contaminazioni. Il linguaggio pittorico ha riferimenti di matrice cubista, futurista, espressionista e pop.
Nel 2018 intraprende i primi lavori di street art.
Nel 2020, il primo grande murale con l’Associazione San Gennaro a Napoli, ad oggi ancora continua a portare in giro per l’Italia e all’estero il suo mondo pittorico.

Work
AboutAbout

Resta connesso